ARTISTI E SCRITTORI SCELGONO “IL CONTEMPORANEO”

ARTISTI E SCRITTORI SCELGONO “IL CONTEMPORANEO”

A distanza di un anno dall’edizione “Scegli il Contemporaneo – Ti
racconto Roma” che aveva coinvolto gli artisti per raccontare il
patrimonio artistico e culturale della città, “Senza titolo” propone una
nuova edizione che, mantenendo lo stesso titolo e coinvolgendo questa
volta artisti e scrittori, si prefigura come la continuazione e
l’evoluzione di quella narrazione aperta e in divenire destinata a
differenti pubblici: adulti, famiglie, bambini, studenti, pubblico
sordo, persone non vedenti e ipovedenti.
Una narrazione che per l’anno 2020 si svolge totalmente in digitale: un
racconto per parole e immagini sulla storia e i luoghi di Roma
attraverso lo sguardo e le voci di quelle persone che vivono la città
quotidianamente. La narrazione nelle sue diverse declinazioni favorisce
e media l’interpretazione della realtà attraverso la parola, unendosi,
in questo grande obiettivo di comprensione del reale, all’arte visiva e
alle rappresentazioni per immagini. La parola diventa narrazione in un
racconto interdisciplinare.

Protagonista delle narrazioni digitali è Valerio Millefoglie –
scrittore, giornalista, performer e direttore di Archivio Magazine – che
insieme ad Elena Lydia Scipioni, curatrice del progetto e agli educatori
di “Senza titolo” hanno costruito narrazioni accessibili a diversi
target di pubblico mettendo in relazione musei, quartieri, studi
d’artista e sodalizi artistici.
La regia dei video è di Domenico Catano, filmmaker che dal 2018
collabora con la compagnia teatrale Etérnit nella realizzazione della
produzione di spettacoli, performance, musica.
La prima video narrazione che aprirà il progetto conduce il pubblico
all’interno della Casa Museo Mario Praz con Valerio Magrelli, poeta,
scrittore, traduttore e professore ordinario di Letteratura francese
all’Università Roma Tre. Un racconto speciale su questo luogo, acquisito
dallo Stato Italiano nel 1986, che conserva più di 1200 oggetti
collezionati dall’anglista durante la sua vita.
Il secondo appuntamento digitale è con il performer e scrittore Claudio
Morici, tra i fondatori dello spettacolo varietà Sgombro – nato al Nuovo
Cinema Palazzo – che accompagnerà il pubblico alla guida della sua
personale lettura del quartiere San Lorenzo e di quei luoghi che più lo
hanno ispirato.
Segue la video narrazione con l’artista Marco Raparelli in cui si
approfondirà il rapporto tra disegno e parola che nei lavori
dell’artista si animano dando vita ad un linguaggio espressivo ironico e
critico; l’artista racconterà una visione personale dei quartieri di
Ostiense e Garbatella (fino a Piazzale Flaminio) insieme ad Alessandro
Tamburrini, alias dj Baro, parte del noto gruppo musicale Colle der
Fomento dal 1998.
La quarta uscita video sarà dedicata a Chiara Rapaccini, in arte Rap,
artista, designer, scrittrice, in cui si racconteranno temi e forme
della sua molteplice operazione artistica dallo spazio intimo e
suggestivo del suo studio in cui ogni oggetto diventa un elemento
narrante per scoprire l’identità dell’artista.
La narrazione in digitale continua con l’artista Alessandro Piangiamore
per raccontare il valore dell’effimero, dell’intangibile e
dell’evanescenza dei materiali organici che costituiscono la memoria del
mondo.
Chiude il ciclo di video narrazioni l’appuntamento speciale con il duo
artistico formato da Carlo Nannetti e Francesca Crisafulli, in arte
Mook, che condurrà il pubblico nel loro universo poetico abitato da
oggetti dimenticati che evocano ricordi e memorie. Un video che include
una narrazione inclusiva, accessibile a tutti, al pubblico sordo e anche
al pubblico ipovedente grazie ad una audio narrazione ideata da
educatori esperti in accessibilità culturale. Verrà realizzato un
audio-documentario dell’incontro con Mook.

I laboratori didattici digitali, a cura di Zelda De Lillo, sono pensati
per far fruire l’arte contemporanea da casa a bambini e famiglie: una
proposta di didattica a distanza che prevede tre laboratori in modalità
classroom dedicati ad alcuni protagonisti – Chiara Rapaccini in arte
Rap, Alessandro Piangiamore e Marco Raparelli – della scena artistica
contemporanea della città.
Gli incontri online verranno realizzati attraverso classroom a numero
chiuso in cui i partecipanti saranno coinvolti in un racconto ricco di
suggestioni visive, audio e sonore per poi rielaborare attraverso
esercizi e sperimentazione diretta i contenuti acquisiti.
Attività su prenotazione inviando una mail a eduroma@senzatitolo.net
indicando nome, cognome e data dell’incontro a cui si desidera
partecipare. Verrà inviato via mail il link di accesso per la
piattaforma.
Per potenziare la fruizione a distanza di “Scegli il Contemporaneo – Ti
racconto Roma” coinvolgendo un pubblico sempre più ampio verranno
realizzati due progetti satelliti:
– Mappatura partecipata in digitale a cura di Serena Giulia Della
Porta.
La mappatura è pensata come un ipertesto interattivo fatto di parole,
suoni, immagini per narrare la Roma contemporanea, disponibile dal 31
dicembre 2020 sulla web app di “Scegli il Contemporaneo”. Ideata come un
work in progress, che ogni anno si arricchisce di nuovi contenuti, la
mappatura è consultabile online con lo scopo di mettere in relazione
alcuni luoghi della città e i protagonisti del progetto per dare spazio
a racconti aperti ed estemporanei.
– Audio documentario. L’audio documentario sarà dedicato all’incontro
con Mook.
Un reportage realizzato con il giornalista Valerio Millefoglie che
proporrà curiosità e domande dei bambini e verrà trasmesso da Radio
Perepepè, la radio per i bambini, fatta insieme ai bambini. L’audio
documentario sarà disponibile come podcast direttamente dalla web app di
Scegli il Contemporaneo” e sul sito di “Senza titolo”.
————————————————————–
Senza titolo” – Progetti aperti alla Cultura
www.senzatitolo.net
Facebook: senzatitolosrl
Instagram: senzatitolo_srl
Youtube: Senza titolo – Progetti aperti alla cultura
Per informazioni: tel. 349/5202151; www.senzatitolo.net


NELLA FOTO: VALERIO MAGRELLI E VALERIO MILLEFOGLIE NELLA CASA MUSEO DI MARIO PRAZ