SIAMO ASTRATTI O REALI? PARLIAMONE

Gli anni dal 1945 al 1952/53 sono quelli della ricostruzione morale e civile, prima che economica, del paese: in questo periodo storico gli intellettuali e gli artisti svolgono un ruolo di primo piano nella società, diventandone la coscienza critica attraverso correnti quali il Realismo letterario e figurativo e il Neorealismo cinematografico.

Non sono fatti nuovi quelli che vengono analizzati nel saggio di Emanuela Garrone Realismo, Neorealismo e altre storie (Mimesis Edizioni), ma diverso è il punto di vista con cui si cerca di considerare opere, artisti e critici, focalizzando l’attenzione sul valore introspettivo dell’opera d’arte. Nel secondo dopoguerra il dibattito ideologico informava le coscienze degli artisti e degli intellettuali in tutto il mondo: in Italia il peso della politica e della filosofia d’ispirazione marxista era molto forte, tanto quanto il desiderio di reinserirsi nell’alveo della cultura europea e mondiale dopo il periodo dell’autarchia fascista che aveva isolato moralmente e culturalmente il nostro paese per vent’anni. L’arte allora divenne testimonianza storica, consapevolezza della realtà, autentico desiderio di verità e di sincerità, ma soprattutto bisogno di libertà e di apertura verso l’altro.
Il saggio, che approfondisce il dibattito allora dominante tra astrattisti e realisti mettendo in evidenza relazioni e intrecci del pensiero filosofico e critico, verrà illustrato a Roma venerdi 9 giugno alle ore 17,00 presso il Centro studi Americani. Insieme all’autrice interverranno i professori Paolo D’Angelo e Antonella Greco, l’architetto Luca Zevi, il direttore del Centro Studi americani Paolo Messa e la giornalista Isabella Mezza.

————————————

REALISMO, NEOREALISMO E ALTRE STORIE
di Emanuela Garrone
Venerdi 9 giugno 2017 – Ore 17,00
Centro Studi Americani
Via Michelangelo Caetani, 32 – 00186 Roma
Insieme all’autrice interverranno:
Prof. Paolo D’Angelo
Prof. Antonella Greco
Arch. Luca Zevi
L’incontro sarà moderato dalla giornalista Isabella Mezza e introdotto da Paolo Messa, direttore del Centro Studi Americani