CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA: DOMANI E SABATO L’OPEN DAY

Non solo regista e attore: il Cinema è fatto da una miriade di figure altrettanto importanti ai fini del prodotto finale anche se, certamente, meno visibili e “famosi” agli occhi del grande pubblico.

Lo hanno testimoniato recentemente alcuni ex allievi del CSC premiati con il David di Donatello 2018: Massimo Cantini Parrini miglior costumista per il film “Riccardo va all’inferno” di Roberta Torre;

Ivana Gargiulo miglior scenografa per “Napoli velata” di Ferzan Ospetek, Alberto Padoan miglior microfonista per il film “Nico, 1988” di Susanna Nicchiarelli anche lei allieva del CSC.

Tre meravigliose professionalità del cinema alle quali si può accedere attraverso un percorso formativo altamente qualificato mirato a dotare i futuri professionisti di tutte le competenze teoriche, tecniche e applicative in grado di favorire lo sviluppo della loro creatività.

Un percorso difficile ma stimolante e altamente professionale costruito con l’esperienza di docenti come il costumista Maurizio Millenotti, lo scenografo Francesco Frigeri e il tecnico del suono Stefano Campus per citare solo alcuni dei nomi che tengono alto il livello di eccellenza del Centro Sperimentale di Cinematografia.

Che, come ricorda Caterina D’Amico, preside della Scuola Nazionale di Cinema, non è un semplice “diplomificio” bensì un luogo dove il talento incontra la tecnica, il “mestiere”.

Ecco il perché del numero chiuso per tutte le attività, compresi i laboratori.

“Perché altrimenti non ha senso”, ci dice Stefano Campus, “non si viene qui per prendere un pezzo di carta e sperare di entrare da qualche parte. Noi docenti scegliamo gli studenti soprattutto per le motivazioni che mostrano di avere per una determinata disciplina”.

Venerdì 13  e Sabato 14 aprile le porte del Centro Sperimentale di Cinematografia saranno aperte a tutti coloro che sono interessati alle varie professionalità della settima arte e vogliono parlare direttamente con i Docenti.