LO SPECCHIO DI PEGGY AL PALLADIUM

LO SPECCHIO DI PEGGY AL PALLADIUM

La storia di una donna coraggiosa e trasgressiva, dalla vita travolgente e travagliata, animata da un amore per l’arte contemporanea così grande da farla diventare la più celebre collezionista di sempre.

Dopo il debutto al Festival di Todi e le repliche al Teatro Quarticciolo di Roma, gli applausi di Torino, Livorno e tante altre città italiane torna nella Capitale “Woman before a glass”, il trittico scenico in quattro quadri di Lanie Robertson incentrato sull’affascinante figura di Peggy Guggenheim. Caterina Casini, diretta da Giles Stjohn Devere Smith, sarà in scena al Teatro Palladium dall’1 al 3 febbraio (1 e 2 febbraio ore 20.30; 3 febbraio ore 18).

Una performance per una sola attrice che offre al pubblico la possibilità di guardare il mondo e l’arte contemporanea attraverso gli occhi di Peggy Guggenheim: ciò che lei ha cercato, indagato, scoperto, sofferto, sostenuto e promosso.

Com’è noto, Guggenheim comprò Palazzo Venier dei Leoni a Venezia e lì raccolse la sua straordinaria collezione d‘arte moderna. Fu una donna capace di intuire il mondo che la circondava, che credeva negli artisti su cui puntava anche se il resto del mondo ancora non sapeva riconoscere quelli che poi furono Pollock, Kandinsky, Mirò, Bacon, Ernst e tanti altri.

Attraverso un linguaggio disinvolto e provocatorio (così com’era la stessa Peggy), lo spettacolo racconta alcuni momenti degli ultimi anni di Guggenheim: si ripercorrono i momenti drammatici della guerra, la fuga dalla Francia per le persecuzioni naziste, durante la quale Peggy nascose tele e sculture tra i piatti e le vettovaglie di cucina, i difficili rapporti con mariti e amanti. Emergono i suoi momenti di forza e le sue debolezze: il rapporto conflittuale con la figlia, morta suicida; i rapporti d’affari con le più importanti gallerie e musei del mondo; i suoi rimpianti, le nostalgie e il suo scivolare lento verso la serenità della fine. C’è una componente essenziale che Peggy trasmette al pubblico: la tensione che vive e si specchia nella certezza e nei ricordi; gli amanti, i colori, i pittori, i vestiti, il fumo, gli amici, le macchie, l’acqua, il dramma. Ogni momento rievocato dalla sua memoria rivive nei due blocchi scenografici. La tecnica del video-mapping permette di isolare parti di una superficie creando quindi una “mappatura” bagnata dalla video-proiezione. Caterina Casini è attrice regista e autrice, e si occupa costantemente di didattica teatrale. Diplomatasi allo Studio Fersen di Arti Sceniche nel 1977, inizia subito il suo percorso di attrice con le regie brechtiane di Gian Carlo Sammartano. Studia e lavora a Parigi con Carlo Boso, maestro di commedia dell’arte, e tra gli altri con Aldo Trionfo, Tonino Conte, Marco Mattolini, Emanuela Giordano, Mariano Rigillo, Walter Manfrè, Maurizio Panici, Giles Devere Smith. Studia regia per opera lirica al centro studio Ferruccio Busoni di Empoli con Virginio Puecher. Nel 1988 approda in televisione con Renzo Arbore e inizia il suo lavoro sulla comicità per la tv, la radio e il teatro come autrice e interprete. In cinema e televisione ha lavorato tra gli altri con i registi Marco Ferreri, Marco Mattolini, Mazzacurati, Guido Chiesa, Stefano Pasetto, Carlo Vanzina. Nel 2001 fonda col comune di Sansepolcro la Scuola Comunale di Teatro e ne assume la direzione didattica e artistica. Nel 2003 fonda l’associazione Laboratori Permanenti, nel 2009 ottiene la trasformazione dell’ex ospedale di Sansepolcro in teatro, inaugurato nel 2013 come Teatro Alla Misericordia di Sansepolcro, e ne assume la co-direzione artistica.

TEATRO PALLADIUM – Stagione 2018/2019

Laboratori Permanenti presenta

Woman before a glass

(Donna allo specchio)

venerdì 1 e sabato 2 febbraio ore 20,30

domenica 3 febbraio ore 18

Trittico scenico in quattro quadri di LANIE ROBERTSON

Traduzione italiana: Gloria Bianchi

Con Caterina Casini

Regia: Giles Stjohn Devere Smith

Scenografia: Stefano Macaione

Costumi: Stemal Entertainment Srl

Categorie Teatro