NELLA CASA DEL TEATRO REGNA LA POESIA

Silvio Benedetto –  ideatore e realizzatore del Teatro negli Appartamenti a Buenos Aires a metà degli anni ’50 (particolare forma teatrale ancora oggi attiva a Roma) – ha sempre portato avanti, contemporaneamente alla sua opera pittorica e teatrale, una fervida attività socio-culturale, sia attraverso incontri spontanei sia mediante la formazione di gruppi di lavoro (Associazione Colloqui con Alida Giardina e Olga Macaluso, Studio Mediterraneo con Olga Macaluso, Medioevo Teatrale con Giovanni Isgrò, La Via del Mare con Silvia Lotti.

A partire da questo maggio 2017, sempre con Silvia Lotti, propone e da inizio a “La voce (l’autore – l’attore)”. Vero è che la letteratura, la poesia, le fiabe, il mito sono da sempre una costante nel teatro di Silvio Benedetto: dai tragici greci ai poeti medioevali, dai classici spagnoli alla poetica “lunfarda” del tango, dai dialetti liguri della tradizione popolare al dialetto siciliano di Buttitta, solo per citare alcuni esempi.

La prima edizione de “La voce (l’autore – l’attore)” ha accolto, nel suo primo incontro della scorsa domenica 21 maggio, il poeta Giuseppe Mannino, il quale ha narrato la propria esperienza di “immigrato”: un viaggio dalla Sicilia a Roma denso di emozioni, testimonianze forti e momenti poetici.

Domenica prossima, 28 maggio, è la volta di Luisa Sisti (nella foto) la quale, attraverso la propria “voce di autore”, commenterà il suo libro “La vita silente” (2016), romanzo denso di memorie a partire dalla Roma degli anni ’60, commovente nelle emotività forse autobiografiche ma soprattutto, come leggiamo nella controcopertina del suo libro pubblicato dalle Edizioni “Augh!” per la collana Frecce: “La vita silente” è il racconto intenso di una grande passione attraverso gli occhi di una donna desiderosa di sentimenti travolgenti…

Luisa Sisti ha collaborato con importanti pubblicazioni letterarie, è vincitrice del Premio Pavese, caporedattore del mensile “Idee Ambientali”.

La stessa serata propone anche “voci di attori:” saranno quelle di Silvio Benedetto e di Silvia Lotti che reciteranno poesie di Hugo von Hofmannsthal, Pablo Neruda, Amalia Guglielminetti ed Antonia Taleti,

Il binomio teatro-letteratura si completerà, domenica 28 maggio, con l’azione teatrale “Frammenti d’amore” di e con lo stesso Benedetto insieme a Silvia Lotti, Alessandro Tranquilli e Claudia Silletti.

Si conferma ancora una volta uno spazio poliedrico e denso di attività, la casa di Benedetto, sempre aperta a nuovi progetti e a nuovi ospiti.