NUOVO CONCORSO RAI? PROTESTA DEL COMITATO IDONEI 2015

NUOVO CONCORSO RAI? PROTESTA DEL COMITATO IDONEI 2015

“Apprendiamo con sorpresa la decisione del Cda Rai di indire un nuovo concorso per il reperimento di giornalisti”. Così dichiara il Comitato per l’Informazione Pubblica, fondato da oltre 100 giornalisti giudicati idonei nel concorso Rai 2015 e difesi dall’avvocato Vincenzo Iacovino.

“PerchĂ© fare un nuovo concorso – prosegue la nota del Comitato – quando una graduatoria è ancora vigente, in base al comma 1096 della legge di bilancio 2018? Legge che, ricordiamo, cita espressamente la graduatoria 2013 e 2015 come bacino prioritario in caso di assunzione di personale giornalistico”. Il Comitato evidenzia come la Rai ha dato giĂ  seguito al disposto normativo portando a conclusione lo scorrimento della graduatoria del 2013, anch’essa citata nel comma e di due anni piĂą vecchia. PerchĂ©, quindi, non utilizzare a scorrimento anche la graduatoria del 2015 e perchĂ© mai sprecare soldi pubblici per organizzare un nuovo concorso quando vi è giĂ  un bacino composto da personale selezionato e formato? Che cosa pensa la Corte dei Conti di questo spreco?”.

Gli idonei della graduatoria 2015 proseguono: “Il varo del nuovo concorso per giornalisti da parte della Rai è una ferita alla meritocrazia, oltre che all’uso oculato delle risorse pubbliche. La Rai si è comportata in modo non lineare e illegittimo: dopo avere bandito una selezione per 100 giornalisti, l’azienda ha scorso la graduatoria fino alla posizione 201 ma immotivatamente ha deciso di fermarsi lì, nonostante la legge di Bilancio 2018 indichi in modo chiaro la strada dello scorrimento per tutti gli idonei. Questa arbitrarietĂ  crea un pericoloso precedente anche per il concorso appena bandito e contro cui faremo ricorso, a tutela del diritto che abbiamo maturato e di tutti i colleghi che dopo di noi parteciperanno a una selezione pubblica Rai. Bandendo un nuovo concorso, la Rai riconosce la necessitĂ , peraltro sussistente da diversi anni, di nuovi giornalisti: la nostra legittima aspettativa si trasforma così in diritto all’assunzione, che faremo rispettare con tutti gli strumenti legali a nostra disposizione”.

“La Rai infatti è consapevole – conclude la nota – del vulnus di questa procedura e ciononostante si assoggetta al rischio di una vertenza giudiziaria, che comporterà costi, responsabilità e risarcimenti anche di carattere personale nei confronti di tutti coloro che hanno inteso violare la legge deliberatamente. Il Comitato preannuncia una battaglia legale a 360°, non escludendo l’azione penale e la segnalazione alla Corte dei Conti per accertare ogni responsabilità. Abbiamo dato mandato all’avvocato Iacovino affinché ci tuteli davanti al giudice del lavoro per rivendicare il nostro diritto all’assunzione”.