OFF OFF PER IL TEATRO DI DOMANI

Gran finale, lunedì 13 novembre all’Off/Off Theatre di Roma, per Shakespeare Lab, seconda edizione del progetto “Tradizione  – Il teatro di domani”, lanciato da Davide Sacco e Ilaria Ceci. Il nuovo teatro della capitale ospiterà la tappa conclusiva del viaggio attraverso l’opera del Bardo iniziato il 20 settembre scorso da 27 giovani professionisti selezionati su bando pubblico e guidati, attraverso meeting, workshop e incontri, da maestri come  Stefano Benni, Emma Dante, Mariano Rigillo, Tato Russo e Raimondo Guarino.

Gli attori, autori e registi coinvolti – tutti under 35 – si sono divisi in 5 gruppi con a disposizione 30 ore di sala prove, e hanno lavorato a loro discrezione su una o più opere di Shakespeare, scrivendone e mettendone in scena una rielaborazione in chiave contemporanea.

Nel corso della serata sarà presentato un estratto di 15-20 minuti dei 5 lavori realizzati. Una Giuria di settore decreterà un vincitore, a cui sarà assegnato un premio di produzione di €1.000 e l’opportunità di debuttare in residenza presso il Festival Internazionale Quartieri dell’Arte. Una Giuria di critici assegnerà il Premio Stampa, consistente nell’abbonamento per tutti i membri del gruppo alla stagione dell’Off Off Theatre. La Giuria popolare, costituita dal pubblico presente, sceglierà uno spettacolo che debutterà in un teatro romano con un premio di produzione di €500,00. Tradizione Teatro si impegnerà inoltre a distribuire lo spettacolo vincitore, dopo il debutto nazionale presso Quartieri dell’Arte.

Le scelte dei partecipanti si sono focalizzate su alcuni aspetti particolari dell’opera shakespeariana. Grande, naturalmente, il fascino suscitato da Amleto, che in FAMIGLIA di Alberto Fumagalli diventa lo spunto per una metafora sulla degenerazione dei rapporti familiari – regia di Luca Trezza, interpreti Matteo Francesconi, Francesca Muoio e Valerio Rosati – e un viaggio oltre i confini della vita ne LA CENA DEI MANCINI di Manuela Barrocci, diretto da Riccardo Parravicini e interpretato da Francesco Chiliberti, Erica Lauro, Giordana Morandini, Alessio Rizzitiello. Cattiveria, passione e potere sono al centro di RICICLAGGIO DI UMANO SPORCO firmato da Maurizio Capuano per la regia di Valentina Mignogna, con Roberto Castello, Dalila Cozzolino, Daniela Duchi, Alessandro Giova – e IL RE SI ALZA di Federica Terribile, regia di Alessandro Di Murro con Domenico Bisazza, Rosa Didonna, Silvia Ferraro, Elisa Franchi, Michele Nardi. Mentre Veronica Cinque, Claudia Lerro e Diletta Masetti firmano, dirigono e interpretano un lavoro  dedicato alla violenza sulle donne attraverso le storie di Ofelia e Desdemona (titolo in via di definizione).

L’obiettivo del progetto, condiviso da SIAE che sostiene l’iniziativa contribuendo anche con i premi di produzione, è creare una solida rete e connessione tra operatori del settore, nella forte convinzione che lavorare generi altro lavoro, e che creare opportunità sia oggi l’unico modo di agire e reagire a un sistema che non sempre sostiene e tutela i giovani. Un percorso, quindi, dalla formazione alla produzione per creare e far nascere il teatro di domani.

—————————–

Off/Off Theatre

Lunedì 13 novembre

ore 21.00

Via Giulia 20, Roma – tel. 06 8923 9515

SHAKESPEARE LAB

Dalla tradizione al teatro contemporaneo

Cinque nuove proposte di drammaturgia italiana in versione showcase