QUESTO TIBURZI E’ IN OTTAVA RIMA

di Giacomo Carioti

Sabato 27 ottobre, nella Sala delle Conferenze della Rocca Farnese di Valentano (VT), si svolgerà un importante incontro per la presentazione del libro di Giuseppe Bellucci incentrato sulla storia del Brigante della Tuscia Domenico Tiburzi: “Da Cellere a Capalbio”, appena pubblicato per le Edizioni ArcheoAres .

La particolarità di quest’opera (oltre all’argomento e al personaggio, mai troppo “indagato” nei suoi risvolti sociali, antropologici e culturali) è di essere scritta il “ottava rima”, ossia quella affascinante metrica poetico-narrativa che affonda le sue radici nei cantari del trecento e nel “Ninfale” di Boccaccia, è che tuttora continua ad essere tramandata dai poeti a braccio e improvvisatori del Centro Italia.

I “fatti e misfatti del Brigante Tiburzi” saranno così rievocati nel corso della serata di sabato prossimo a Valentano, alla presenza dell’Autore, e con gli autorevoli –e, c’è da aspettarselo- appassionati interventi della Dott.ssa Valentina Polverini e del Comm. Romualdo Luzi, l’illustre storico e ceramologo valentanese che tanto della sua vita ha impegnato e impegna per la valorizzazione e la divulgazione del patrimonio culturale della Tuscia.

                                                                                                                                                                      Giacomo Carioti