TEATRO MANZONI: UNA STAGIONE PER DIVERTIRE ED EMOZIONARE

 Il  teatro non è il paese della realtà: ci sono alberi di cartone, palazzi di tela, un cielo di cartapesta, diamanti di vetro, oro di carta stagnola, il rosso sulla guancia, un sole che esce da sotto terra. Ma è il paese del vero: ci sono cuori umani dietro le quinte, cuori umani nella sala, cuori umani sul palco. 

(Victor Hugo)

 

PRESENTATO IL PROGRAMMA 2016/2017 DELLO STORICO TEATRO DI VIA MONTE ZEBIO :  il teatro è vita, è fantasia, è sogno e magia, ci arricchisce ci commuove, ci fa ridere e sognare….

Da diversi anni Pietro Longhi, direttore artistico del Teatro Manzoni ha come obiettivo  far divertire ed emozionare  il pubblico, scegliendo piéce attuali, che riescano a rispecchiare la nostra società, attraverso tematiche che affrontiamo quotidianamente o semplicemente tramite le infinite “sorprese” che la vita ci riserva ogni giorno.

il 29 settembre 2016 inizia la nuova stagione del Manzoni con la quale festeggeremo insieme ai nostri abbonati trenta anni di attività ininterrotta. Si apre il sipario del teatro su un tris di donne esplosivo,  Corinne Clery, Barbara Bouchet e la partecipazione straordinaria di Iva Zanicchi, che presentano la divertente commedia di  Jean Marie Chevret Tre donne in cerca di guai  per la regia di Nicasio Anzelmo. Tre amiche Micky, Annie e Martine, non più giovanissime, dopo diverse delusioni sentimentali,   decidono  di deporre “le armi” dell’amore. La grande casa di Martine diventa il loro punto fisso di incontro dove trascorrere giornate tranquille davanti alla tv o attraverso pacate conversazioni. L’arrivo del figlio di una comune amica che chiede ospitalità per un breve periodo, con un fisico mozzafiato, farà girare la testa alle nostre mature signore..Intrighi, bugie, sotterfugi, situazioni comiche e paradossali rischieranno di mettere a dura prova la loro vecchia amicizia..(dal 29 settembre al 23 ottobre).

Dal 27 ottobre al 20 novembre Carlo Alighiero, Cinzia Berni, Diego Ruiz saranno in scena con  Parenti stretti di Cinzia Berni e Diego Ruiz, che cura anche la regia.  Uno spettacolo appassionante e divertente, che tratta le dinamiche familiari, il rapporto genitori-figli, l’imborghesimento dei sentimenti, l’incapacità di tornare bambini in cui gli spettatori riconosceranno le sfumature e ritroveranno se stessi. Tre fratelli  si ritrovano insieme dopo tanto tempo per dividere l’eredità e svuotare l’appartamento della madre da poco scomparsa. Piccole ripicche, antiche  gelosie vengono a galla offuscando l’affetto reciproco che li lega, ma l’arrivo improvviso di un uomo misterioso e stravagante sconvolgerà l’equilibrio seppur precario, che si era innescato tra i tre.

il 24 novembre Fabio Avaro, Siddhartha Prestinari, Enzo Casertano, diretti da Silvio Giordani sono i protagonisti di Il testimone di nozze di Jean-Luc Lemoine, un divertente affresco sulle difficoltà dei rapporti di coppia e non solo. Benny e Liliana dopo 12 anni di fidanzamento stanno per affrontare il  grande passo. Benny sceglie come suo testimone di nozze un amico di vecchia data Tommaso, ma la notizia non rende felice la futura consorte. Decisiva sarà una cena prematrimoniale alla quale Tommaso si presenta con la sua nuova compagna, decisamente molto più giovane…..Un turbinio di eventi, di  dolori e vecchi  rancori esploderanno, demolendo quel mondo perfetto che ognuno si era costruito per nascondere le proprie incertezze e debolezze……(in scena fino al 18 dicembre)

Si lascia il “vecchio” e si inizia il nuovo anno con Rita Forte e Pietro Longhi che saranno in scena  con  Il gufo e la gattina di Bill Manhoff per la regia di Silvio Giordani. Felix e Doris due mondi diametralmente opposti, si incontrano e inevitabilmente si scontrano. Felix è uno scrittore, ma per sopravvivere fa il commesso in un negozio di libri, lei cantante di piano bar e attricetta squillo con poco talento e scarsa cultura. Buttata fuori dal suo appartamento di notte dal proprietario, grazie alla denuncia di Felix, suo vicino che  aveva notato uno “strano movimento” nella casa,  Doris si presenta alla sua  porta  e gli piomba nell’appartamento con la valigia….Un ménage comico a tratti surreale ed esilarante, una piéce divertente che affronta con  delicatezza temi come il sesso, la solitudine e l’incomunicabilità, con ironia e divertimento. (29 dicembre-22 gennaio)

Dal 26 gennaio Patrizia Pellegrino, Pietro Genuardi saranno i protagonisti di  Victoire  per la regia di Antonello Capodici.  La divertente commedia delle celebre autrice francese Dany Laurent  ci racconta la lotta di una donna in carriera, pronta a tutto pur di riconquistare suo marito. Vittoria e Marcello  una coppia di oggi, serena e benestante, lei creativa di successo, lui cardiologo affermato. Ventidue anni di matrimonio, un figlio che frequenta una prestigiosa  università … ma poi compare lei, Katy, allieva dell’affascinante medico. Un susseguirsi di colpi di scena terranno lo spettatore col fiato sospeso… Alla fine riuscirà, Vittoria nel suo grande progetto di vita, tenersi  il suo uomo?!!!!!

il 23 febbraio Elena Cotta, Carlo Alighiero Miriam Mesturino presentano Un folle amore di Andrè Roussin, regia di Carlo Alighiero. Marcel un uomo non comune, molto passionale sposato, incontra in una cena Solange, anche lei maritata. I due non sono più giovanissimi, ma lui è profondamente colpito  dalla sua gioia di vivere e gli sembra di aver finalmente incontrato la donna che ha sempre cercato. E cosi senza esitazioni Marcel gli offre il suo amore… Ma i figli di Solange, Nicole e Jean Pierre cercano a tutti i costi di difendere la famiglia. Una commedia classica, una storia d’amore, scritta da un grande autore. (fino al 19 marzo)

Pietro Longhi, Gabriella Silvestri  diretti da Silvio Giordani saranno in scena dal 23 marzo   con La notte della Tosca di Roberta Skerl, che riesce a trattare tematiche sociali, a volte drammatiche, con delicatezza , sensibilità e grande ironia. Tre infermiere precarie da anni di una casa di lunga degenza vengono licenziate all’improvviso e sprofondano nella disperazione più totale: ognuna di loro ha una situazione familiare difficile. Come  far conoscere il loro dramma? La soluzione la offre Oscar, un anziano ricoverato nella casa di riposo ex sindacalista e amante dell’opera. Convincerà le tre donne a compiere un gesto clamoroso, sbalorditivo, che la televisione sarà costretta ad accendere i riflettori sulla loro storia….. (fino al 16 aprile)

(20 aprile 14 maggio spettacolo da definire)

A concludere la stagione saranno Gabriella Silvestri, Antonio Conte che presentano  dal 18 maggio all’11 giugno La protesta di Roberta Skerl, regia di Maria Cristina Gionta. Una storia che ci parla della famiglia e di  come i legami restano saldi anche di fronte a situazioni difficili e complicate. Tre fratelli stanno attraversando una situazione molto complessa: sono alle prese con l’anziana madre che per protesta si è chiusa nell’armadio e non ne vuole sapere di uscirne fuori. Inutili i numerosi tentativi. L’unica soluzione plausibile  è chiedere l’intervento dell’amato e stimato  parroco Don Nono. Ma anche lui sembra non essere in pieno possesso delle proprie facoltà mentali….

NELLA FOTO: CARLO ALIGHIERO ED ELENA COTTA