TEATRO QUIRINO: GEPPY GLEIJESES E GUGLIELMO FERRO PRESENTANO LA STAGIONE 20/21

TEATRO QUIRINO: GEPPY GLEIJESES E GUGLIELMO FERRO PRESENTANO LA STAGIONE 20/21

QUESTA L’INTRODUZIONE ALL’INTENSO PROGRAMMA:

È strano…” No, non è l’incipit dell’aria finale di Violetta nel primo atto della Traviata. È solo una constatazione del nostro stato d’animo mentre ci accingiamo a presentare a voi tutti la stagione 2020-2021. La stagione del centocinquantenario del Quirino!
È strano perché abbiamo sofferto tutti per la calamità che ci ha colpito, pandemia che forse ci ha voluto ricordare che la corda di Madre Natura era ormai troppo tesa e stava per spezzarsi. Noi dello Spettacolo, come molte altre categorie, abbiamo vissuto e stiamo vivendo mesi terribili di incertezza, disoccupazione, perdite finanziarie ingentissime, paralisi del sistema.
Ma è forte in tutti noi, noi del Quirino, e tutti noi del Teatro in ogni angolo del mondo, la voglia di ricominciare.

Vedete, proporre il teatro in TV è molto, troppo difficile. È impossibile vivere sul palco una scena d’amore senza baciarsi perché mascherati. Come è limitativo costringersi solo a dei monologhi con 200 persone in platea in uno spazio di mille posti.

Il Teatro è libertà e a nostro avviso, proprio per questo o si fa o non si fa.

Il teatro Quirino nella sua storia non è mai venuto meno alla sua vocazione di tempio della prosa e al rispetto del suo pubblico, ma nelle attuali condizioni non saremmo liberi di darvi quello che per centocinquant’anni il nostro teatro vi ha offerto. 

Quindi… Ricominciamo. Ricominciamo invece che dai primi di ottobre, come ogni anno, dal 22 dicembre, con la passione che ci ha sempre contraddistinto, certi che tutti voi, tutti i fedeli abbonati, tutto il nostro meraviglioso pubblico, sentiate come noi la necessità di ritrovarci.
Voi in platea, noi in palcoscenico, con le stesse emozioni, ancora una volta. Insieme. Pe
rché la nostra arte è l’unica tra tutte le arti che ci concede la possibilità di questa “comunione” totale tra pubblico e attori, che insieme celebrano un rito che trasporta in altri mondi, in altre epoche, un sogno collettivo.

Abbiamo voluto essere i primi a presentare la stagione, perché il Quirino per la sua storia ha anche il dovere di essere da sprone a tanti altri teatri, che speriamo da qui a poco riaccolgano il proprio pubblico. Lo facciamo con l’ottimismo della volontà e della ragione, partendo dal 22 dicembre, quando, ci auguriamo, le rianimazioni saranno inoperose e tutti gli “attualmente positivi” saranno “finalmente negativi”, quando corvi e cassandre avranno finito di litigare tra loro e la necessità di riabbracciarci avrà vinto la paura. Abbiamo sofferto, ci siamo fermati, siamo stati bravi e disciplinati e tra cinque mesi finalmente ci ritroveremo, senza compromessi, in sicurezza e serenità, con il Grande Teatro. 

Anche quest’anno, come da centocinquant’anni a questa parte, le tavole del nostro palcoscenico ospiteranno grandi attori e registi e i più interessanti autori classici e contemporanei del panorama internazionale.

Come dicevamo il Quirino compie centocinquant’anni, e noi, con tanti sacrifici e rinnovellato entusiasmo ne celebriamo degnamente il compleanno. Siamo il secondo teatro privato d’Italia per numero di abbonati (il primo è il Diana di Napoli), e se siamo riusciti a fidelizzare in questa misura il nostro pubblico, crediamo di averlo meritato. Celebreremo questa ricorrenza con un volume, una mostra e una festa. Lo faremo in semplicità e con orgoglio di appartenenza, come sempre.
E ancora una volta Buon Divertimento. 
                          GEPPY GLEIJESES GUGLIELMO FERRO

NELLA FOTO: Geppy Gleijeses e Lucia Poli protagonisti, con Maurizio Micheli, di “Servo di Scena”

TUTTO IL PROGRAMMA SUL SITO:  www.teatroquirino.it

Categorie Teatro