TRAGEDIA DI NAPOLI: LA POLIZIA CHIEDE SEVERITA’

Il Segretario Generale del SAP, Stefano Paoloni, riguardo la tragica scomparsa dell’agente Pasquale Apicella: “Piangiamo un altro Uomo del nostro Paese che ci ha lasciato nell’adempimento del dovere. Funerali di Stato anche se con restrizioni: sia dato giusto onore al sacrificio. Il SAP deporrà fiori alla lapide dei caduti in tutte le Questure d’Italia”.

Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia, sulla tragica scomparsa del giovane poliziotto in servizio a Napoli e deceduto stanotte: “Piangiamo un altro Uomo dello Stato – spiega Paoloni – che ci ha lasciato nell’adempimento del dovere. La situazione si sta aggravando sempre più. Se non cambieranno in fretta alcune leggi, lo scenario che ci si prospetta davanti è davvero preoccupante”. 

I malviventi non ha timore della giustizia. Sbeffeggiano gli uomini in divisa, come purtroppo avviene sempre più anche tra la gente comune come dimostrano i tanti video che girano in rete. Chi delinque sa che non ne dovrà rispondere e mal che vada tornerà libero dopo poco. Si cambino in fretta le leggi. Lo Stato torni ad essere fermo e deciso contro la malavita. Ci vogliono pene severe e immediate”.

Il SAP si stringe attorno al dolore della famiglia. Auspichiamo che vengano svolti Funerali di Stato anche se nel rispetto delle norme di restrizione imposte dalle norme di contenimento Covid19, perchè possa essere con onore ricoosciuto il sacrificio del nostro caro collega morto nell’adempimento del dovere. Come segno di tributo ogni segreteria del SAP, presente in ogni provincia del nostro Paese, contemporaneamente alla cerimonia funebre depositerà un mazzo di fiori sulla lapide del monumento ai caduti, presente in tutte le Questure d’Italia ed asupichiamo che il Capo della Polizia indica in tutti i nostri Reparti un minuto di silenzio e interrunzione delle attività”. 

Categorie News