VITE COMUNI, TRA BANALITA’ E POESIA

“…svagato ma complice davanti al tumultuoso mare di teste umane che mi colma di un’emozione deliziosa e nuova…mi abbandono alla contemplazione dello spettacolo esterno della folla”.  (Vincenzo Cerami)

Una serata in compagnia delle parole di Vincenzo Cerami, anzi in compagnia della Gente di Cerami. Una lettura scenica di brevi racconti che si nutre della poetica lucida, spietata e complice del celebre scrittore de Il borghese piccolo piccolo. L’occhio indiscreto dell’autore si ferma a scrutare attimi, ritagli di vita quotidiana dei protagonisti e li scopre nella loro intimità, nel dolore o nel sollievo, nella sorte avversa o nella fortuna e così, per gioco, ne ricostruisce la storia.

Vite comuni dove, tra le pieghe della banalità, vive l’ombra di un’altra possibilità. Un popolo muto di piccoli antieroi a cui Anna Ferruzzo e Massimo Wertmuller, attraverso le parole del poeta,  danno voce. Fa da cornice la musica “ceramiana” di Nicola Piovani eseguita da Alessio Mancini e Sergio Colicchio.

——————————————–

Teatro Vascello

Teatro e musica

dal 14 ottobre al 17 dicembre 2017 (musica e teatro) – SALA STUDIO

venerdì e sabato h 21.30, domenica h 18.30

LA GENTE DI CERAMI

Compagnia della Luna

Racconti di Vincenzo Cerami adattati da

Aisha Cerami

Con Massimo Wertmuller   Anna Ferruzzo

Alessio Mancini     flauto/chitarra

Sergio Colicchio    tastiera/fisarmonica

regia Norma Martelli  musiche Nicola Piovani sculture  Sergio Tramonti  spazio scenico Sandra Viktoria Müller  costumi Silvia Polidori disegno luci Danilo Facco