Non spegniamo le luci della cultura