ALBUM DI FAMIGLIA, PER AMORE DI ROMA

ALBUM DI FAMIGLIA, PER AMORE DI ROMA

Mercoledì 14 dicembre 2022 alle ore 18.30 presso la Galleria “La Nuova Pesa” di Roma sarà presentato il romanzo “Gregory. Tre storie in una” di Fabrizio Ludovico Porcaroli, Rudis edizioni. Interverranno Arnaldo Colasanti, critico letterario, e Massimo Rossi, saggista e critico d’arte. Letture di Benedetta Porcaroli. Saranno presenti l’Autore e l’Editore.

Come sottolinea Arnaldo Colasanti, “i veri romanzi familiari, che si distendono veloci e ampi lungo il tempo e le generazioni, hanno la rara capacità di mostrare quello che conta davvero nella vita: le persistenze e i ritorni, le ossessioni dei caratteri e dei desideri; l’amore e il sogno che è proprio ad ogni uomo e donna. Questi romanzi hanno il dono d’essere una narrazione avvincente: soprattutto quando diventano un flusso libero che tenta di capire l’assurda cosa che chiamiamo ancora la felicità, la soddisfazione, la segreta verità della vita. Gregory possiede a pieno questa forza di affabulazione: è tutta sua l’allegria del racconto. Giulio, Ludovico, Gregory, un secolo di avventure, le generazioni che si rincorrono: e poi Roma, la città eternamente splendida e perturbante. Fabrizio Porcaroli ha il fiuto dell’archeologo e dello storico, ma, ancora di più, ha l’istinto del narratore che sa stenografare il senso del destino. Ci presenta un romanzo gioioso, innocente, solido: con lo slancio della precisione biografica.”

Il romanzo “Gregory. Tre storie in una” è innanzitutto la cornice preziosa della Città Eterna alle storie di una famiglia nobile, originaria dell’Alta Tuscia, che per ragioni contingenti decide di trasferirsi a Roma negli ultimi anni del XIX secolo. E i tre personaggi che fanno da filo conduttore al racconto sono imparentati fra loro: Giulio, il capostipite della famiglia dopo la morte improvvisa del padre; Ludovico, suo fratello minore, ribelle, anarchico e tetragono a qualsiasi forma di disciplina. E il figlio di quest’ultimo, Gregory, che dà il titolo al romanzo, lo svolgersi della cui esistenza caratterizza profondamente il racconto.

“Ubriacarsi di Roma è possibile. Ed è quello che fanno tutti, Romani e non, ogni giorno in una città che spesso è invivibile, sporca, disorganizzata ma che da tremila anni dispensa la bellezza al mondo intero. E quando pensi di non riuscire a mandare giù altra bellezza, di essere sazio, capiti in un vicolo, assisti ad uno scorcio di tramonto o vieni investito dal caldo vento di Ponente che ti entra dentro e non ti lascia più, ovunque tu vada.” Così l’autore Fabrizio Ludovico Porcaroli che, con questo romanzo, vuole anche rendere omaggio all’amata città eterna.

Tutto si svolge mentre infuriano le due guerre mondiali e il popolo è stretto nella morsa della paura, della fame e della morte ma senza perdere le sue caratteristiche: il riso sardonico che da sempre lo ha caratterizzato, le battute caustiche e mordaci, i motteggi e i proverbi, le abitudini; tutte cose che si perderanno inevitabilmente nelle nebbie del tempo.

Il romanzo è, prima di tutto, un tentativo di salvataggio di una parte di questo enorme patrimonio popolare, un appello accorato a non dimenticarsi di chi, più dei Cesari, degli Imperatori e dei Papi, ha fatto per davvero la storia di questa città. Il racconto scorre veloce e avvincente con un colpo di scena finale. “Gregory si legge con la curiosità con cui si sfoglia un album di famiglia e lo si gode come il più classico romanzo che abbia al centro la passione per una storia collettiva. Per Porcaroli, scrivere è ritrovare in chiaro l’esistenza degli altri: vuol dire amarli. Per noi, invece, leggere è come vivere passo passo insieme a questi dolcissimi e cari personaggi, divenuti amici: significa crescere con le loro, attraverso le loro umanissime difficoltà. E non è poco: si resta incantati.” (A. Colasanti).

Fabrizio Ludovico Porcaroli si laurea nel 1983 in Giurisprudenza e pratica per dodici anni la professione forense salvo, a suo dire, “ravvedersi” e conseguire nel 2000 una seconda Laurea in Lettere Antiche con indirizzo Storico-Filologico Classico, una specializzazione in Archeologia, vincere un dottorato in Agiografia e lavorare con il Gruppo Tutela Patrimonio Archeologico della Guardia di Finanza organizzando mostre ed eventi in ambito culturale in Italia e all’estero. Dal 2016, presso il Centro Studi Arcadia di Ladispoli, aiuta ragazzi affetti da gravi disabilità psicologiche e con complicate situazioni ambientali per prepararsi a conseguire un titolo di studio. “Gregory. Tre storie in una” è il secondo libro che Porcaroli pubblica: nel 2009 dà alle stampe “Trenta minuti per uccidere” edito da Gangemi Editore.

https://www.rudisedizioni.com/pagina-prodotto/gregory-fabrizio-ludovico-porcaroli