BELLA LA FIABA COL BISCOTTINO

BELLA LA FIABA COL BISCOTTINO

Nell’ambito degli appuntamenti domenicali dal titolo “Fiabe e Biscottini”, sarà in scena al Teatro Le Maschere il 24 novembre e 1 dicembre – doppia replica ore 16.00 e ore 18.00 – lo spettacolo TRE OMINI NEL BOSCO dalla fiaba dei fratelli Grimm, testo di Franco Mescolini, regia di Gigi Palla, con Martina Carletti, Rodolfo Mantovani, Gabriella Praticò.I costumi sono di Carla Marchini e lescene di Giuseppe Convertini.

Un cantastorie accompagna il pubblico in un alternarsi di narrazione e azione attraverso il complesso percorso di crescita di una fanciulla narrato nel rispetto della ricca e tradizionale simbologia delle fiabe. Due sorellastre, una matrigna, un principe e tre misteriosi omini del bosco rappresentano gli elementi principali di una storia che tra metamorfosi, prodigi, oggetti magici e prove da superare conduce la protagonista al raggiungimento di un nuovo essere pronto ad affrontare le difficoltà dopo aver conquistato fiducia e coraggio.

Note di regia di Gigi Palla – Tutti sanno quanta importanza possono avere le fiabe sull’animo del bambino, importanza non solo dal punto di vista del piacere che può dare ascoltarla, ma per un vero e proprio motivo pedagogico.Il bambino dai 5 ai 9/10 anni si identifica completamente con i personaggi della fiaba, vivendo i loro sentimenti operando una vera e propria “ginnastica”del sentimento, così dimenticata ma così salutare!E’ per tutto ciò che abbiamo scelto una favola dei Fratelli Grimm molto classica (buono, cattivo, elemento fantastico, giusta punizione ecc….) da mettere in scena nel modo più classico e rispettando non solo il testo ma anche i … bambini.Anche se potrebbe sembrare superfluo sottolinearlo, la fiaba dei Tre Omini del Bosco, rimanda ad una ben più ampia riflessione sulla fatica, l’impegno che la vita, costantemente, ci richiede visto che assai di rado ci è dato di vivere in una condizione ottimale, vale a dire, priva delle difficoltà e dei pesanti condizionamenti determinati dalla nostra ed altrui immaturità.Anche nella cattiva sorte, tuttavia, la vita ci concederà sempre l’occasione di ripresa (quello che, nella fiaba è rappresentato dall’elemento magico) la possibilità di risolvere, attraverso l’accettazione di alcune prove, di volta in volta, i problemi ……c’est la vie……

Categorie Teatro