CERCANO DI SALVARSI

di Maurizio Liverani

Cooptare i partiti, metterli in un’unica marmitta e fare una grande fusione. Ecco i risultati: si è fuso il Pd. Le manovre, cioè, per arrivare al potere attraverso mercanteggiamenti con quelli che dovrebbero essere i nemici di ogni comunista, i “commis” di Stato, il grande capitale, la grande industria, le clientele, i clericali. Militare in un simile partito che si adegua al sistema capitalistico nella versione più arrogante, invece di temperarlo (non potendo ormai più rovesciarlo), non è decoroso; è come togliere al compagno quell’alone di nobiltà e di snobismo cui tiene tanto. Da quando? Il capitalismo si è avvinghiato al corpo dei comunisti come avviene in tutto l’occidente, in Russia e anche nell’oriente cinese. I pensatori d’oggi hanno fatto fiasco quando hanno insistito nel cercare di comprendere questo millennio con i concetti che corrispondono a quelli precedenti. La sottomissione al capitale si concilia perfettamente con un governo a conduzione paracomunista. In Cina c’è una dittatura comunista che proclama il “libero mercato” e i bassi salari. Il grande capitale sfrutta queste tirannie. Questo optimum è riservato alla sinistra; non lo sarebbe se il governo fosse in mani diverse. Il grande capitale è interessato a far nascere queste pseudo-dittature rosse o rosse-ulivo; l’importante è vendere. La sinistra ha fallito sia in Russia che in Cina. “Chi cavalca la tigre non può scendere” dice un vecchio proverbio cinese. La super produzione ha bisogno di mano d’opera a buon mercato. Il Pd ha creato una situazione utile al grande capitale, ma nociva per le medie e piccole imprese e ha aumentato lo stuolo dei disoccupati, indispensabile vivaio di bassi salari, come sosteneva Marx “buon’anima”. I dettami del fascismo, rosso o nero, a questo conducono. I capi sono bramosi di sottomettersi al capitale nell’illusione di essere al riparo di contraccolpi. L’ideale sarebbe indurre i partiti a fare due o tre passi indietro, indebolendo lo Stato centrale e lasciare che la società civile trovi uno specifico modo di produzione locale, federale, decentralizzato, perché gli italiani non sono più avidi di sottomissione a un’autorità partitica o “mistica”. Quello che sta accadendo nel Pd è un’invenzione, pur di salvarsi. Intanto il Paese va alla deriva o sprofonda nel torpore. Oggi, destra e sinistra sono diventate una serie di formule prive di significato; sia l’una che l’altra sono soltanto la guardia del capitale finanziario, incapaci di suscitare un grande slancio civile.

Maurizio Liverani