ELENA ARVIGO: MEMORANDUM SU ANNA POLITKKOVSKAJA

Venerd√¨ 7 ottobre 2016 alle ore 21,30, per ricordare la giornalista russa Anna Politkovskaja nel decimo anniversario della sua scomparsa, Elena Arvigo propone al Festival Avamposti presso il Teatro Manzoni di Calenzano (Teatro delle Donne) lo spettacolo ‚ÄúDonna non rieducabile, memorandum teatrale su Anna Politkovskaja‚ÄĚ, accompagnata dalla recitazione di Teodoro Bonci del Bene in traduzione consecutiva in russo.

Nota per il suo impegno sul fronte dei diritti umani, per i suoi reportage dalla Cecenia e per le sue critiche al presidente della Federazione Russa Vladimir Putin, la Politkovskaja venne assassinata nell’ascensore del suo palazzo mentre stava rincasando la sera del 7 ottobre 2006.

Lo spettacolo verr√† introdotto da un intervento di Massimo Bonfatti che ha fondato nel 2005 l‚ÄôOrganizzazione di volontariato per la solidariet√† ‚ÄúMondo in cammino‚ÄĚ, attiva con progetti di riconciliazione interetnica e di difesa dei diritti umani in Cecenia. Massimo Bonfatti presentera‚Äô il libro ‚ÄúCecenia, la guerra degli altri‚ÄĚ di Anna Politkovskaya .

‚ÄúAppena ho letto ‚ÄėDonna non rieducabile‚Äô ‚Äď spiega l‚Äôattrice e regista – mi √® sembrato subito evidente che non si trattava di un testo semplicemente da ‚Äėmettere in scena‚Äô ma piuttosto di un ‚Äėprogetto di studio‚Äô, un cammino per cercare di rimanere fedeli allo spirito sia di Anna P. sia di Stefano Massini che ha scritto il testo ispirandosi a questi ‚Äėappunti disordinati ai margini della vita in Russia‚Äô. Ho iniziato dunque raccogliendo quanto pi√Ļ materiale possibile su Anna P. e sugli argomenti di cui si occupava per cercare di capire meglio, di andare a toccare con mano, vedere.

Ed √® proprio questo progetto di studio che mi piacerebbe portare in scena, non ‚Äėcommuovere‚Äô ma ‚Äėmuovere‚Äô e stimolare in me prima di tutto e poi nello spettatore la sua responsabilit√† di testimone, stimolare la curiosit√†, la necessit√† di informarsi, di non fermarsi, di non avere ‚Äėpregiudizi‚Äô ma andare a toccare con mano e cercare le proprie domande prima di abbandonarsi alle facili soluzioni e risposte che ci vengono date.

√ą davvero un cammino ed √® una goccia nell‚Äôoceano che diventa una riflessione insieme al pubblico sulla libert√† di stampa, sul mestiere di giornalista, sulla responsabilit√† di sapere e continuare a farsi domande.

La messa in scena di questo testo dunque è sempre stata in fieri per cercare di restituire una sorta di “viaggio “ dentro questa storia.

Dopo un anno e mezzo, il viaggio, il processo per comprendere meglio la realt√† di cui dovevo essere tramite, mi ha portato di fatto a fare dei viaggi reali nei luoghi di cui si racconta e dunque in occasione di questo 10¬į anniversario ho deciso di cominciare ad ‚Äúavvicinare‚ÄĚ alla Russia questo spettacolo e altri progetti legati alle ‚ÄúImperdonabili‚ÄĚ, tra i quali i ‚ÄúI monologhi dell‚Äôatomica‚ÄĚ. Da qui nasce la recente collaborazione con Teodoro Bonci del Bene.

Lo spettacolo sar√† dunque gi√† in questa replica al Teatro Manzoni di Calenzano in doppia lingua quella italiana e quella russa ‚Äúrecitata‚ÄĚ simultaneamente da Teodoro Bonci del Bene. Comincia cosi da qui il cammino per ricordare Anna Politkovskaja‚ÄĚ.

Elena Arvigo ricorda Anna Politkovskaja

nel decimo anniversario della morte.

Venerdì 7 ottobre РTeatro Manzoni di Calenzano/Firenze

DONNA NON RIEDUCABILE

Memorandum teatrale su Anna Politkovskaja

di Stefano Massini

un progetto di e con Elena Arvigo

e con la partecipazione di Teodoro Bonci del Bene

aiuto regia Valentina Calvani

video designer Andrea Basti

tecnica luci Andrea Narese