ELENA, UN FRAMMENTO CREATIVO

ELENA, UN FRAMMENTO CREATIVO

Si terrà al Teatro Basilica il 17 gennaio, la prima Residenza Creativa della stagione che vedrà in scena alle 21.30 la prova aperta di ELENA – primo frammento da Ghiannis Ritsos. La residenza sarà diretta da Monica Conti, protagonista Elena Arvigo.La serata avrà inizio alle ore 20.00, con spettacolo alle ore 21.30.

Prove aperte, ragionamenti attorno ai processi di ricerca e composizione di nuove opere. Questo e tanto altro saranno le “Residenze creative”.

Un progetto artistico e organizzativo per contribuire allo sviluppo dei temi delle residenze che in questi ultimi anni hanno caratterizzato la scena contemporanea. Da diversi anni, critici, studiosi, operatori e artisti riconosco la necessità delle residenze: un valore aggiunto per riflettere sulla qualità delle opere e agire sulle profonde relazioni fra ricerca, formazione e produzione.

TeatroBasilica è uno spazio dedicato al sentimento dell’accoglienza degli artisti e, insieme, un presidio culturale per innescare delle profonde relazioni con i cittadini e il pubblico, le comunità di riferimento che determinano la specificità dei Teatri delle Residenze. – Note sulla Residenza di ELENA – primo frammento a cura di Monica Conti – Sulla soglia? Una donna senza età vecchia e bambina, decrepita e splendente, mitica e contemporanea parla ad un soldato venuto a trovarla. Un soldato che ha combattuto per lei, Elena, con il suo volto bellissimo inciso sullo scudo e che si è dato tanta pena per “eroismi, gradi e glorie”. Dopo tanti anni, però, questa Elena lo ricorda solo come “buffo, con l’elmo alto e il pennacchio” e a lui racconta dell’oggi e del lontano passato. Ma il soldato è un fantasma? E’ uno dei tanti morti per una guerra come sempre inutile? E lei è viva o è un fantasma anch’essa? Si trova sulla soglia? Sta per morire e ripercorre gli eventi della sua vita attraverso nuove prospettive? Questo poemetto mitologico è uno dei 16 appartenenti all’opera “Quarta Dimensione” del 1972. Titolo non casuale. Alla ricerca della “Quarta Dimensione” Ritsos scompone e ricompone il mito accostando tutte le facce contemporaneamente, come i cubisti. Facce percepibili in modo diverso secondo il punto di osservazione. Perdendo la sua univocità e sacralità il Mito torna così ad appartenerci.

Piazza Porta S. Giovanni, 10Roma (RM)

Contatti / Prenotazioni:+39 392 97.68.519info@teatrobasilica.com

Categorie Teatro