MADAME BOVARY, UNA DONNA DI OGGI

MADAME BOVARY, UNA DONNA DI OGGI

Emma è la moglie irrequieta di un medico di provincia che ha sposato senza amore. Il marito che all’inizio l’aveva affascinata soprattutto per la posizione sociale, la delude nel tempo rivelandosi un uomo debole e professionalmente poco brillante fino a commettere un tragico errore nella prescrizione di un farmaco che porterà quasi alla morte una paziente. Dopo i primi entusiasmi nella gestione della casa e nella condizione di giovane sposa Emma si annoia e, sognando altre avventure amorose, passa da un disturbo alimentare a un altro. E’ anoressica, maniaca della ortoressia alimentare, infine bulimica. Passa molto tempo davanti al computer e abbandona completamente le sue incombenze domestiche. Nonostante ciò il marito, Charles, continua a mantenere nei suoi confronti una grande adorazione che sconfina nel patetico. L’accontenta in tutto e non si accorge quando Emma incomincia a tradirlo. Il primo amante sarà un cinico imprenditore del luogo che Emma incontrerà durante una festa in casa di ricchi esponenti della bella società cittadina. L’uomo la circuirà in tutti i modi affascinato soprattutto dal suo candore. Ma la storia, passionale e turbolenta, finirà  miseramente per volere dell’uomo che si rivelerà un piccolo dongiovanni di provincia. Dopo un’ennesima ricaduta nella depressione e nell’abulia Emma ritroverà un giovane timido che alcuni anni prima l’aveva corteggiata senza successo soprattutto per la sua timidezza ma che nel frattempo, dopo un certo periodo trascorso nella capitale, si è trasformato in un uomo volitivo e affascinante. Emma si farà bruciare anche da questa esperienza e si ritrovera’ distrutta e senza speranze. Vuota e sconfitta alla fine tenterò con il suicidio. Ma all’ultimo momento, guardandosi allo specchio, capirà che non vale la pena perdere la vita per le delusioni subite. O forse no…

Note di Regia: Ho una missione, riportare il pubblico a teatro… lo so, sembra una follia… eppure questo testo mi è sembrato il più adatto per compiere la mia missione: l’universo femminile, il cinismo maschile, la prospettiva degli eventi, l’illusione del cambiamento… il tutto l’ho colto e shakerato, e come per magia più nulla è ciò che sembra, la realtà è nei video e la finzione è in scena… Emma è una donna di oggi, non più giovane ma non per questo ha dimenticato le passioni, e il tutto si svolge con i tempi della commedia in un esilarante susseguirsi di circostanze che conducono lo spettatore verso un epilogo forse tragico, e forse inevitabile. Ridere è una cosa seria… e in Emma B. seriamente si ride e si riflette. (Fabio L. Lionello)

Teatro Lo Spazio Via Locri, 42/44 Roma

Domenica 7 aprile ore 17.00

Emma B.

di Enza Li Gioi

liberamente tratto da “Madame Bovary” di Gustave Flaubert

Storia di una casalinga inquieta

Regia Fabio Luigi Lionello,

con Eleonora Manara, Saverio Vallone,

Matteo Micheli, Gianluca Cecconello, Sandro Calabrese

Art director Carlotta Bolognini, musiche originali Adriano Dragotta,

Luci e Fonica Carlo Sabelli, Jewels Designer Valeria Ferraioli

Foto by Francesco Tomei

Categorie Teatro