PREMIO MIA MARTINI 2017: PARTITE LE AUDIZIONI

Partite le AUDIZIONI della XXIII edizione,  alla  ricerca  di  future stelle,  nel  nome  e nel ricordo della grande MIA. Ancora una volta  la  fulgida stella di Mia Martini,  si accende  per  illuminare  la  strada  di  tanti  giovani  talenti. Tante  le  audizioni  che  si  terranno in Italia e all’estero per selezionare gli aspiranti concorrenti  dell’edizione  2017.  Anche  quest’anno  dei  grandi  nomi  saranno presenti alla finalissima di Bagnara Calabra. Nella scorsa edizione, hanno omaggiato Mimì:  Roberto Vecchioni, Gaetano Curreri degli Stadio,   Amedeo Minghi,  Chiara Dello Iacono,  il  tenore   Statunitense  Ghaleb.   Parte  un’altra  edizione  ricca  di  tante novità  e  momenti esaltanti  ed  importanti  per  il futuro   artistico  dei  giovani  ammessi  al  premio. 

Un evento che, attraverso le varie fasi, promuove e fa  conoscere al grande pubblico i nuovi talenti. I partecipanti vivranno esperienze formative con grandi artisti del panorama musicale Italiano. TV, radio e mezzi di informazione seguiranno l’evento con trasmissioni  che racconteranno i sogni  delle future stelle della canzone.  Il  regolamento, le date  e le località che ospiteranno le audizioni sono consultabili sul  sito del premio www.premiomiamartini.it .

 Le sezioni del premio sono tre:  Nuove Proposte  (14/45 anni), Una Voce per Mimì (04/13 anni), Etnosong (riservato alla musica etnica). “Anche  per  questa  edizione  ci  saranno  delle  novità  e  delle  piacevole  sorprese, come il patrocinio dell’UNICEF”  assicura  il  regista  Nino Romeo,  che  da  ben  23  anni  dirige  la  complessa  macchina organizzativa  del  premio. Confermata la direzione artistica di Franco Fasano.  Le audizioni sono  in  programmazione: Bulgaria, Checkoslovakia,  Russia, Moldova, Malta, Romania, Serbia, Francia, Germania, Spagna, Svizzera, Principato di Monaco,  Veneto,  Friuli,Trentino, Valle D’Aosta,  Piemonte,  Lombardia,  Liguria, Emilia Romagna,  Toscana,  Lazio,  Campania,  Basilicata,  Puglia,  Sicilia,  Sardegna,  Calabria.