TRE COLORI PER VENEZIA

TRE COLORI PER VENEZIA

La mostra “Rinaldo Invernizzi. Smeraldo. Antracite. Cobalto” ospitata nella splendida cornice di Palazzo Martinengo a Venezia dal 20 aprile al 30 settembre 2022, vuole essere un inno all’amatissima città lagunare dove l’Artista espone per la prima volta, attraverso oltre una ventina di oli su tela inediti realizzati in questo ultimo anno nei quali campeggia la dimensione soggettiva dei tre colori. La mostra, a cura di Henry-Claude Cousseau (già Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Parigi) e Andrea B. Del Guercio (già Accademia di Belle Arti di Brera Milano), sarà inaugurata mercoledì 20 aprile alle ore 18.00. Il Progetto espositivo ed editoriale è destinato alla dimensione internazionale dell’arte di Venezia in concomitanza con la Biennale.

Invernizzi “…prendendo a testimone ciò che l’acqua, nel suo ruolo di specchio, non smette mai di voler catturare nei suoi riflessi, ovvero il cielo, amplia questo tĂŞte-Ă -tĂŞte perseguendolo in un doppio dialogo con il mare.” (H.C. Cousseau). D’altra parte, “riconosciamo di assistere ad un evento creativo dedicato a Venezia e alla sua storia cromatica, frutto di un’operazione di filtraggio emozionale avvenuto nello Studio appartato e silenzioso sulle sponde del lago di Lugano.” (A. Del Guercio).

Come sottolinea ancora Andrea Del Guercio, “siamo di fronte ad aformali ‘paesaggi’ sintomatici della policromia rinascimentale – in particolare a Tiziano dei primi del ‘500 – frutto di una comunicazione emozionale mirata su ogni singolo soggetto-colore, tesa a suggerirne l’esasperazione dei caratteri, cosciente della sostanza spettacolare interna, attenta alla luminositĂ  dei rilievi di materia.”

Anche Henry-Claude Cousseau evidenzia quanto i solchi del pennello dilatino lo spazio in grandi ritmi orizzontali che armonizzano la superficie in un unico brano pittorico. Nelle tele di Invernizzi nuvole e acqua si fondono, l’orizzonte si fa labile, scintillano i colori ora dell’alba, ora dei bagliori vespertini, prorompe uno dei tratti caratteristici della laguna, il plumbeo splendore dei suoi temporali, il tutto nei toni che possiedono più la fissità delle gemme che l’inafferrabile luccichio del mare.

“Sotto la loro superficie visionaria e profetica, questi dipinti trasmettono un messaggio […], orchestrano l’indecifrabile gerarchia tra cielo e mare, rendendo percepibile l’irrefrenabile fusione a cui non smettono mai di aspirare. Questo è ciò che ci invitano a comprendere le grandi pennellate che talvolta attraversano le opere dall’alto verso il basso e che formano come le cataratte di un diluvio. Il firmamento non è più il luogo dove le nuvole passano tranquille, ma un abisso mobile dove le stelle rotolano e si oscurano per prestarsi ad una meditazione allucinata davanti allo spettacolo di una Genesi in via di compimento.” (H.C. Cousseau).

Per informazioni: tel. +41 79 6159658

Sito Artista: https://www.rinaldoinvernizzi.com