VIOLENZA DI GENERE AL TEATRO PORTA PORTESE

VIOLENZA DI GENERE AL TEATRO PORTA PORTESE

Sono tante, troppe, le donne vittime di una violenza inconcepibile, che ha voluto cancellare per sempre la loro bellezza in un modo terribile e vile sfigurandole con l’acido.

Le chiamano “donne senza volto”. Segnate per sempre, nel corpo e nell’animo, dalla violenza di chi ha cercato di punire la loro volontà deturpandole con l’acido. E ACIDO” è il titolo e il tema centrale della rappresentazione che l’attrice Eleonora Manara mette in scena al Teatro Porta Portese, il 15 maggio alle ore 18, per la regia di Margarita Smirnova.

La storia – scritta da Enza Li Gioi – narra la vicenda di una donna legata da molti anni a un uomo mediocre, ma infedele e indifferente ai suoi sentimenti, che decide, dopo che lui l’ha lasciata mettendosi con un’altra, di iniziare una nuova relazione con un uomo che finalmente la rende felice. Purtroppo, il suo ex non si dĂ  per vinto: pur essendosi rifatto una vita, e aver avuto un figlio dall’altra donna, continua a controllare la vita della sua ex moglie. Quando capisce che lei è felice con un altro uomo, reagisce sfogando la sua rabbia sfigurandola con l’acido. Ricoverata in una clinica per la ricostruzione plastica dei tessuti del volto danneggiati, privata anche della vista, la donna riflette sulla sua vita e sulla condizione femminile, nonchĂ© sull’ancestrale conflitto tra il maschile e il femminile. Nei suoi pensieri passano le gesta delle donne nella Storia, nell’arte e nella letteratura. Le sue dolorose riflessioni la condurranno, infine, a prendere una decisione coraggiosa, e davvero insolita.

Scene e costumi sono di Alexandros Mars; audio e luci di Carlo Sabelli.

Difficile stabilire quante siano, in tutto il mondo, le donne che hanno subito questo genere di attacchi. Non solo in Italia; ci sono Paesi, come l’India, il Pakistan, la Cambogia, il Bangladesh, la Repubblica popolare cinese, il Kenya, il Sudafrica e persino Hong Kong, dove questa aberrante abitudine è fin troppo diffusa: viene chiamata “vitriolage”.

Un triste fenomeno che non è sfuggito neanche a Papa Francesco il quale, tempo fa, ha chiesto scusa a Filomena Lamberti, una donna sfigurata con l’acido dal marito: “Le chiedo scusa e prego per lei affinché il coraggio che le ha ridonato singolare bellezza diventi uno schiaffo all’indifferenza”, ha scritto il Pontefice.

TEATRO PORTA PORTESE

Via Portuense 102
Tel. 06 5812395 | 347.6154471

“ACIDO”

Con Eleonora Manara

Testo di Enza Li Gioi

Regia di Margarita Smirnova

Scene e costumi Alexandros Mars – Audio e Luci di Carlo Sabelli

______________________________________________________